DALLE ORIGINI … AI GIORNI NOSTRI!

Sino a qualche decennio fa, e specialmente al Sud della nostra Italia, il problema del sangue costituiva una grossa difficoltà per chi ne aveva bisogno.

Molti, specie quelli avanti negli anni, ricorderanno che all’epoca il sangue si comprava, oppure  si sottoponevano gli amici ed i familiari dell’ammalato a … prelievi, diciamo così coatti”, per ercare di salvare la vita del proprio congiunto, on tutti i ischi, sia da un punto di vista medico che da un punto di vista morale.

In questo clima, e sull’esempio del Nord, dove questo problema era stato affrontato, brillantemente risolto e superato, alcune persone si sono organizzate per creare anche da noi una associazione di donatori volontari di sangue.

Non è stato tutto molto facile all’inizio in quanto c’era da superare la diffidenza della popolazione ruvese, sempre restia alle novità; superare pregiudizi e luoghi comuni, tanto diffusi e tanto falsi, e contemporaneamente fornire una corretta informazione sulla cultura della solidarietà per motivare il cittadino alla donazione del sangue in modo anonimo, periodicamente e completamente gratis.      

Ma, grazie alla caparbia e tenace volontà di un gruppo di persone, a dir poco emerite, capeggiate dal Dott.  Salvatore Lorusso e con la fattiva e determinante collaborazione del Sindaco dell’epoca il Prof. Domenico Mastrorilli, anche Ruvo di Puglia ha visto nascere la sua sezione AVIS.

È doveroso rendere merito a tutti quelli che si sono adoperati per la nascita del nostro sodalizio e, per futura memoria, riporto l’elenco di tutti i Soci Fondatori, i quali, in data 7 Gennaio 1978, presso lo studio del Notaio Angelo Salvi, legalizzarono l’Associazione:

Lorusso Salvatore, Damato Salvatore, Crispo Alberto, Samarelli Nicola, Francese Felice, Ventola Angelo, Ruta Nicola, Campanale Pietro, Iurilli Roberto, Altamura Tommaso, Ottombrini Vito, Montaruli Domenico, Marcone Cataldo, Cesareo Luigi, Catalano Luigi, Mastrorilli Michele, Fiore Saveria, Altamura Vincenzo, Lorusso Luigi, Torelli Mario, Leuci Cataldo, Peschetola Saverio.

Da questo gruppo è nato il primo Direttivo composto da: Lorusso Salvatore, Damato Salvatore, Torelli Mario, Altamura Tommaso, Mastrorilli Michele, Francese Felice, Samarelli Nicola, Ruta Nicola e Fiore Saveria. Collegio dei Sindaci: Lorusso Luigi, Iurilli Roberto, Catalano Luigi, Altamura Vincenzo e Ottobrini Vito; Collegio dei Probiviri: Campanale Pietro, Cesareo Luigi, Marcone Cataldo, Ventola Angelo e Montaruli Domenico.

Il loro lavoro è stato così capillare, il loro modo di fare così coinvolgente, che la gente ha subito recepito il messaggio della donazione, del volontariato, della solidarietà e pertanto la neonata associazione ha potuto riscontrare immediatamente dei notevoli progressi.

Di anno in anno c’è stato sempre un incremento continuo di donatori e di donazioni come si evince guardando i grafici statistici riportati.

Occorre comunque mettere in evidenza la fattiva collaborazione dei Centri Trasfusionali di Barletta, Terlizzi, Andria e Molfetta, i quali, in stretto ordine cronologico, nel corso degli anni, hanno contribuito al successo dell’iniziativa e di questo bisogna darne atto e ringraziare i Dirigenti, i medici ed il personale sanitario che, di volta in volta, si è prodigato ed ha efficacemente affiancato i nostri volontari.

Nel frattempo l’attività dell’Associazione, mediante fervide iniziative, si è allargata ad altri campi, sempre ai fini propagandistici e per fare proselitismo: Gite sociali, propaganda nelle scuole, feste del Socio, mese della Prevenzione, ecc…

 

E così, quasi in punta di piedi, si è giunti al traguardo dei dieci anni, dei venti, dei venticinque ed ora dei trenta. Molta strada è stata fatta e dei vecchi fondatori ne sono rimasti pochi in quanto alcuni si sono persi per strada o perché non ci sono più o perché, per motivi vari, specie a causa dell’età, non sono più in grado di proseguire la loro missione.

Ringraziamo tutti i Consigli Direttivi che si sono succeduti negli anni e, come è stato riportato il primo, così riportiamo il Consiglio Direttivo attuale con il quale si chiude una lunga parentesi della nostra storia nella speranza di festeggiare ancora ulteriori, luminosi e lunghissimi traguardi. ad majora!

 

 

UN IMPEGNO DURATO TRENTANNI

         E sono trenta gli anni di attività dell’Avis di Ruvo, associazione voluta da benemeriti sostenitori, alcuni purtroppo non più fra noi, con l’intento di generare l’amore della donazione di sangue, la gioia di rendere vita si da abbattere offerte mercenarie.

Mi è doveroso esprimere gratitudine a tutti coloro che hanno fatto e continueranno a fare la storia dell’Avis nel nostro paese, operando con spirito di dedizione. 

Plauso al Dott. Lorusso Salvatore, emerito Presidente dell’Associazione, ed a quanti hanno sostenuto il sodalizio con impegno umano e sociale.    

Ancora particolare grazie ai donatori per la loro umana costanza nel donare.  

Ho la speranza, ma quasi la certezza, che l’azione degli avisini avrà sempre maggiori risultati, coinvolgendo un numero crescente di donatori alla vita associativa, al fine di far emergere i valori della solidarietà.

Sia L’Associazione, nel suo grande prestigio, punto di riferimento delle famiglie in stato di bisogno.

 

Salvatore Damato